Disclamer: Ricordo che il presente servizio viene offerto come ludico e di intrattenimento e quindi rispetta tutte le leggi vigenti *** La cartomanzia non è una scienza esatta, si consiglia sempre e comunque di mantenere un distacco critico.


Quale divinazione?


La differenza tra una lettura da ciarlatano e una lettura consapevole delle carte è che la prima presume che gli avvenimenti a venire sono già tutti scritti nel destino, mentre una lettura consapevole delle carte si basa sul presupposto che la divinazione è possibile soltanto in alcuni casi. Infatti, quando il risultato di una certa situazione dipende in modo determinante dal lavoro che compiremo su noi stessi, poiché il destino si basa anche sulla nostra volontà, le carte non daranno risposte sul risultato finale, ma si limiteranno a segnalare la necessità di una evoluzione interiore. In questo caso si possono consultare qualche mese più avanti. Se la crescita è avvenuta, le carte ci sveleranno anche l'esito finale di una situazione.
Scopo della consultazione deve essere, quindi, soprattutto aiutare il consultante a prendere coscienza del proprio problema, a diventare "il centro" della situazione confusa e dolorosa e a condurlo all'accettazione di quanto ha causato o causa sofferenza. Attraverso l'accettazione del proprio vissuto si può iniziare un processo di emancipazione personale, rinnovare la propria fiducia in sé e aprirsi a nuove esperienze.
Generalmente chi si rivolge a una cartomante lo fa a causa di una situazione problematica o confusa che non gli permette una visione globale e un discorso coerente rispetto al proprio vissuto. Il consultante è quasi sempre qualcuno che non riesce più a raccontare a se stesso e a chi gli sta vicino la propria situazione o la propria identità e dalla seduta si aspetta un nuovo racconto, una narrazione che possa riordinare gli eventi, le persone, le emozioni e fornire una revisione della propria storia e della propria identità o, comunque, fornire elementi differenti e nuovi punti di vista per reinterpretarsi.
La necessità di interpretare un oracolo è valida perciò soprattutto quando il consultante desidera ottenere una radiografia interiore di se stesso, adeguata alla situazione o domanda che ha formulato. Lo spirito di chi si accinge a farsi leggere le carte è di grande importanza sulla qualità della consultazione. Il consultante non dovrebbe cercare la consultazione per evitare di fare una scelta rimettendosi così alla sentenza del cartomante, ma per avere una conferma della situazione attraverso la visione dell'occultista. La scelta di come gestire il proprio avvenire appartiene soltanto alla sua coscienza e alla sua personale intuizione.

(tratto da: Leggere le carte napoletane-una finestra sull'infinito G. Martini)

Nessun commento:

Tema Fantastico S.p.A.. Powered by Blogger.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...