Disclamer: Ricordo che il presente servizio viene offerto come ludico e di intrattenimento e quindi rispetta tutte le leggi vigenti *** La cartomanzia non è una scienza esatta, si consiglia sempre e comunque di mantenere un distacco critico.


LA SEDUTA

Ombre, presenze, passi silenziosi che orecchio umano non può percepire... ci sono davvero intorno a noi anime in bilico tra questo mondo e l'altro?



All'epoca avevo una ventina d'anni e come la maggior parte dei miei coetanei ero entrata nel mondo del mistero. Si giocava più che altro senza rendersi conto, probabilmente, di ciò che si faceva. Quell'estate organizzavamo spesso sedute spiritiche, anche negli anni addietro avevo partecipato a queste riunioni, sempre un po' leggere, tra una risatina e una battuta. Quel pomeriggio però... ci fu qualcosa di diverso che mi fece cambiare modo di vedere il paranormale e tutte le attività collegate ad esso. Era un pomeriggio estivo e ci eravamo riuniti sei di noi per fare l'ennesima seduta. Eravamo seduti in circolo tutti con le mani sul tavolo e concentrati in silenzio. La moneta aveva preso vita e cominciava a muoversi rispondendo alle nostre varie domande, ad un certo punto però successe qualcosa di particolare. Il mio sguardo andò verso la porta che dava nel corridoio e in un attimo vidi passare velocemente due ombre. Erano unite eppure ben distinti l'una dall'altra, due ombre che si rifletterono sul muro come di due persone che attraversano di corsa il corridoio... rimasi per un attimo ferma, guardai la mia amica che era seduta sulla mia sinistra e mi accorsi che anche lei osservava a bocca aperta il corridoio e capì subito che aveva intravisto la stessa cosa che avevo visto io. Ci guardammo l'un l'altra e chiedemmo di fermare la seduta. Spiegando la cosa, tutti ci alzammo dal tavolo per guardare nelle varie stanze, ma non trovammo nulla, la cosa particolare era che ci trovavamo al quinto piano di un appartamento, in un orario privo di ombre, erano più o meno le sei di sera e non c'erano finestre lungo il corridoio, in casa le luci erano tutte spente, l'unica accesa era nel salotto dove eravamo riuniti noi. E in tutta la casa, c'eravamo solo noi e nessun altro...
Nessun altro, tranne quelle due fuggenti presenze.
Da quel giorno smisi con le sedute spiritiche, spaventata da ciò che avevo intravisto e dalle sensazioni strane che ne avevo avute.

A.


Volete essere anche voi tra i protagonisti di questa rubrica?

Scrivete la vostra storia a: annak33@hotmail.it

Nessun commento:

Tema Fantastico S.p.A.. Powered by Blogger.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...